Incontro con il capo del Dipartimento "Paesi Vicini"

Luogo: Ministero Affari Esteri – Belgrado, 25 marzo

In un clima di grande cordialità  si è svolto, al Ministero degli Esteri, l’incontro fra il nuovo Capo del​ Dipartimento Paesi Vicini, Ambasciatore Milisav Paić, e l’Ambasciatore Alberto di Luca. Fra i temi trattati la definizione degli ultimi dettagli per arrivare alla firma dell’Accordo umanitario fra Serbia e Sovrano Ordine di Malta. Si è anche discusso di concrete iniziative di solidarietà verso bambini malati e bisognosi di cure.

L'Ambasciatore Alberto di Luca incontra in Parlamento On. Vladimir Marinkovic.

Belgrado, 4 Marzo 2013
Nella biblioteca del Parlamento Serbo, si sono incontrati l’Ambasciatore Alberto di Luca ed il nuovo Presidente del gruppo Parlamentare di Amicizia Serbia – SMOM, On.Vladimir Marinkovic.

Fra i temi trattati, la comune decisione di organizzare una mostra fotografica in occasione del 900° Anniversario della Pie Postulatio Voluntatis all’interno del Parlamento Serbo.

Novecento anni dal riconoscimento ufficiale di Papa Pasquale II

15 febbraio 1113 – 2013

Il 15 febbraio 2013 il Sovrano Ordine di Malta celebra un importante anniversario. Sono trascorsi esattamente 900 anni dalla promulgazione del Privilegio Solenne con la quale Papa Pasquale II riconosceva ufficialmente e poneva sotto la protezione della Sede Apostolica la comunità degli Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme, con il diritto di eleggere liberamente i propri Capi. E’ grazie a tale documento, custodito negli archivi nazionali di Malta, che il Sovrano Ordine di Malta è un ordine laico-religioso da oltre 900 anni.

Durante tutto il corso del 2013 le Istituzioni del Sovrano Ordine di Malta nei cinque continenti celebreranno questo importante anniversario con una serie di iniziative. La celebrazione più rilevante è stata il 9 febbraio 2013 a Roma: nella Basilica di San Pietro, Papa Benedetto XVI si è rivolto ai 4.500 membri e volontari venuti da tutto il mondo, a seguito della celebrazione della Santa Messa da parte del Cardinale Segretario di Stato Tarciso Bertone. Hanno partecipato Autorita’ del Governo italiano, della Santa Sede, dell’Unione Europea, 10 Cardinali ed oltre 170 rappresentanze diplomatiche.

Il Privilegio Solenne conosciuto con alcune delle prime parole del testo stesso, Pie Postulatio Voluntatis, ha posto le basi giuridiche dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, conosciuto oggi come Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta. L’Ordine fu fondato in Terra Santa mezzo secolo prima, come comunità monastica per la cura dei pellegrini poveri in un ospedale a Gerusalemme.

Grazie a tale documento, gli Ospitalieri di San Giovanni si trasformano in un ordine religioso laicale. Questo documento ha un forte rilievo istituzionale: con tale Bolla il Pontefice riconosce all’Ordine il diritto assoluto di assicurare la continuazione dell’opera eleggendo, a tempo debito, un successore al Fondatore dell’Ordine, frate Gerardo, con il diritto ad eleggere liberamento i propri Capi, senza interferenza di altre autorita’ laice o religiose.
Dal punto di vista di rilevanza storica, la Bolla fornisce ai posteri il ruolo e l’importanza del fondatore dell’Ordine, il Beato Gerardo, della sua personale santità e del gruppo dei religiosi professi che lavoravano con lui. Evidenzia inoltre l’importanza dell’opera offerta ai pellegrini e ai poveri a Gerusalemme. Un elenco di ospedali ed ospizi in Francia e in Italia dimostra come l’istituzione costituita dal frate Gerardo dopo alcuni decenni dalla fondazione dell’ordine non sia circoscritta al solo regno latino di Gerusalemme, ma presenta già ramificazioni in Europa.

Fra’ Matthew Festing, 79° Gran Maestro dell’Ordine di Malta spiega: la celebrazione dei 900 anni dalla promulgazione del Pie Postulatio Voluntatis non rappresenta unicamente un riconoscimento reverenziale del nostro passato, ma anche una prospettiva per il futuro.

Sono certo che questa solenne commemorazione rafforzera’ non solo il senso di appartenenza al nostro Ordine da parte dei membri e volontari sparsi in tutto il mondo, ma anche la qualita’ e l’intensita’ del servizio effettauto oggi sotto la propria bandiera in 120 Paesi. Si tratta di un servizio necessario oggi come lo era mille anni fa, per alleviare sofferenze fisiche e spirituali, promuovere pace e giustizia e soddisfare il bisogno continuo ad aiutare i nostri simili.

————————————————————————————————————

L’Ordine Sovrano Militare Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme , di Rodi e di Malta, fondato a Gerusalemme intorno al 1050, e’ un soggetto Sovrano di diritto internazionele e un ordine laico cattolico. La missione dell’Ordine, sintettizzata nel binomio “Tuitio Fidei et Obsequium Pauperum”, ovvero la difesa della fede e il servizio ai poveri e ai sofferenti.

L’Ordine di Malta ha le sue proprie istituzioni in cinque continenti per un totale di 13.500 membri, 80.000 volontari, appoggiati da piu’ di 25.000 medici, infermieri e infermieri ausiliari. L’Ordine di Malta gestisce ospedali, centri medici e sociali, case di rposo per anziani e disabili, centri per pazienti terminali, corpi volontari in oltre 120 Paesi. L’Ordine di Malta è in prima linea ogni qualvolta si verificano calamita’ naturali o conflitti armati. Negli anni recenti, gli interventi piu’ significativi dell’Ordine hanno avuto luogo in Kosovo e in Macedonia, India, nel Sud-Est Asiatico (dopo il tsunami), in Afganistan, Pakistan Messico, Repubblica Democratica del Congo, Sudan del Sud, Myanmar, Sri Lanka Georgia ed Haiti.
L’Ordine Sovrano di Malta ha relazione diplomatiche con oltre 100 Stati e con la Commissione Europea a livello di Ambasciatore. Ha missioni permanenti di osservazione presso le Nazioni Unite (New York, Ginevra, Parigi, Vienna, Roma, Nairobi, Bangkok) e le sue agenzie specializzate nonche’ rappresentanze presso le maggiori organizzazioni internazionali. L’Ordine di Malta ha una posizione di piena neutralità, è imparziale e apolitico e non persegue alcun obiettivo economico o politico. Esso non dipende da alcun Stato o Governo.
A Capo dell’Ordine è il 79° Gran Maestro Fra’ Matthew Festing, assistito dai Membri del Consiglio del Sovrano Ordine. Fin dal 1834 la Sede del Governo dell’Ordine di Malta si trova a Roma e gode di diritti di extraterritorialita’.

IL PAPA AI MEMBRI DELL’ORDINE "LA VOSTRA PREZIOSA OPERA È TESTIMONIANZA VIVA DELL’AMORE EVANGELICO"

IL PAPA AI MEMBRI DELL’ORDINE "LA VOSTRA PREZIOSA OPERA È TESTIMONIANZA VIVA DELL’AMORE EVANGELICO"San Pietro, 9 Febbraio 2013
L’incontro, sabato 9 febbraio in San Pietro, con Papa Benedetto XVI, al termine della Celebrazione Eucaristica, presieduta dal Cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone, è stato il momento culminante della settimana di celebrazioni per il nono centenario della Bolla di Papa Pasquale II Pie Postulatio Voluntatis (15 febbraio 1113), che ha riconosciuto ufficialmente il Sovrano Ordine di Malta. All’evento hanno partecipato oltre 4.000 membri e volontari dell’Ordine provenienti da ogni parte del mondo, guidati dal Gran Maestro Fra’ Matthew Festing.

 

 

900° anniversario del riconoscimento pontificio del Sovrano Militare Ordine di Malta Sua Altezza il Principe e Gran Maesto Matthew Festing mentre rivolge il Suo discorso al Santo PadreL'Ambasciatore del Sovrano Ordine di Malta a Belgrado, Alberto di Luca, con la sua consorte Sig.ra Emanuela.

Pie Postulatio Voluntatis

Pie Postulatio VoluntatisIl 15 febbraio 1113, con la Bolla Pie Postulatio Voluntaris, il Papa Pasquale II pose la comunita’ monastica degli Ospedalieri di San Giovanni di Gerusalemme sotto il patrocinio della Chiesa, con il diritto di eleggere liberamente il proprio capo, senza interferenze da autorita’ religiose o laiche.

Grazie a questa Bolla – che rappresenta la creazione della sua indipendenza e sovranita’ – da 900 anni il Sovrano Ordine di Malta ha potuto svolgere la sua missione umanitaria nel Mondo.

EDITTO DI MILANO 313 – 2013

 Mons. Hocevar, a conclusione del Suo intervento, ha favorevolmente commentato il libro e la Mostra su Costantino, a palazzo Reale a MilanoMilano, 5 Dicembre 2012

Mons. Hocevar, a conclusione del Suo intervento, ha favorevolmente commentato il libro e la Mostra su Costantino, a palazzo Reale a Milano

Il “Centro Studi Grande Milano”, ha organizzato, con la collaborazione dell’Ambasciata a Belgrado dell’Ordine di Malta, un evento sul tema “Editto di Milano”. Gli oratori invitati dal Centro Studi Grande Milano, sono stati Padre Roberto Ferrari, del Convento Sant’Angelo, Franco D’Alfonso, Assessore al Commercio del Comune di Milano, Mons. Pier Francesco Fumagalli, Vice Prefetto della Biblioteca Ambrosiana, Marcello Racchini, Filologo, e per l’intervento conclusivo, S.E. Rev.ma Mons. Stanislav Hocevar. La serata si è conclusa con un Concerto Natalizio, con il Tenore Scaligero Giuseppe Veneziano e il vice organista del Duomo di Milano, Alessandro Laciacera. La serata di solidarietà è stata a favore della missione umanitaria giovanile gestita dall’Arcivescovo di Belgrado.


 da sin. la Prof.ssa Gemma Sena Chiesa, curatrice della Mostra a Palazzo Reale, la Presidente del Centro Studi Grande Milano, Avv. Daniela Mainini, S.E. Mons. Stanislav Hocevar e l'Ambasciatore Alberto di Lucada sin. la Prof.ssa Gemma Sena Chiesa, curatrice della Mostra a Palazzo Reale, la Presidente del Centro Studi Grande Milano, Avv. Daniela Mainini, S.E. Mons. Stanislav Hocevar e l’Ambasciatore Alberto di Luca

Ospiti del Primo Consigliere d'Ambasciata Ferdinando Bozzo, la giornata di Mons. Hocevar si è conclusa con un pranzo al quale hanno partecipato S.E. l'Amb. Di Capua e Signora. il Comm. Capitanucci e Signora, ed il nuovo Primo Segretario d'Ambasciata, il Dottor Giorgio Giuliano e Signora.Durante la serata, è stata consegnata al Dottor Fabio Fasolini, al centro della foto, l'Onorificenza al Merito Melitense, per la sua dedizione e vicinanza alle attività da lui svolte nel biennio, appena terminato, come Primo Segretario d'Ambasciata.

PROCEDE IL PROGETTO DOCTOR'S TOWER

 il Sindaco di Savski Venac Dusan Dincic con l'Ambasciatore Alberto di LucaBelgrado, 29 novembre

L’Ambasciatore Alberto di Luca, è stato ricevuto oggi dal Sindaco di Savski Venac, Dusan Dincic, per essere aggiornato sul progetto Doctor’s Tower di Nurdor. Il cordiale colloquio ha evidenziato le prossime importanti scadenze. Entro il 10 di dicembre dovranno essere consegnate tutte le offerte, per arrivare entro la fine dell’anno all’aggiudicazione della gara.

il Sindaco di Savski Venac Dusan Dincic con l’Ambasciatore Alberto di Luca

L'Ordine di Malta presso IWC Charity Bazaar 2012

La Carta Oro per un check-up completo offerto da Jedro di Belgrado.
L’Ambasciata del Sovrano Militare Ordine di Malta, è stata invitata a partecipare il 2 dicembre a Belgrado, all”annuale IWC Charity Bazaar. In questa occasione, grazie alla generosità del Centro Clinico Jedro (www.jedro.rs), saranno offerti 20 tessere d’oro per l’accesso gratuito a un check-up completo. Un monociclo sarà messa all’asta in previsione di un evento organizzato in collaborazione con Nurdor.

 

 

 

 

 

 

Offerti dall'Ambasciata SMOM a Belgrado in occasione del IWC charity Bazaar, abbonamenti Jedro Gold e Monocicli.

Offerti dall’Ambasciata SMOM a Belgrado in occasione del IWC charity Bazaar, abbonamenti Jedro Gold e Monocicli.

Emanuela di Luca ha donato un ritratto da lei dipinto all'Arcivescovo di Belgrado Mons. Stanislav Hocevar

Mesi or sono l’Arcivescovo di Belgrado, S.E. Rev.ma Mons. Stanislav Hocevar, aveva saputo che la signora Emanuela di Luca, consorte dell’Ambasciatore dell’Ordine presso la Serbia, Alberto di Luca  – accanto alla sua attività professionale  –  da molti anni dipinge con il nome d’arte di Manou e che ha già realizzato in Italia e in Europa alcune sue mostre personali. Mons. Hocevar le chiese allora di dipingere un Suo ritratto per la sede Arcivescovile della Diocesi e Manou ha così realizzato un’opera  che è stata nei giorni scorsi donata all’Arcivescovo. Mons. Hocevar, nell’accogliere il gradito dono, ha vivamente apprezzato le qualità dell’artista Manou che ha saputo coniugare, con tratto particolarmente originale, fantasia e realismo. Nelle due fotografie, la consegna del ritratto alla quale sono intervenuti l’Ambasciatore di Luca, collaboratori e amici di Mons. Hocevar e dell’Ambasciata del Sovrano Ordine a Belgrado.